Spettacolo

Fantasia Pura Italiana, descrizione dei brani del nuovo album

L’Italia li ha scoperti con lo show televisivo “Italia’s Got Talent” ed ora sono ora sono pronti a pubblicare l’album di inediti. Si tratta dei Fantasia Pura Italiana che danno alla luce il disco “Istruzioni per un viaggio scomodo”, prodotto artisticamente da Riccardo Onori. Le registrazioni di questo lavoro sono avvenute tra la sede della associazione A effe di Ponsacco dal Perfect 10 studio di Davide Fatemi e il DDR studio di Oscar Catani a Prato. 13 sono i brani e 3 gli “intermezzi” che citano la dimensione teatrale della band. Se vi incuriosisce, ecco le descrizioni di tutti i brani della nuova fatica dei Fantasia Pura Italiana.

Se amici di Prato, sei musicisti. Suonano ovunque ed esplodono nel piccolo schermo grazie allo show “Italia’s Got talent”. Sono i Fantasia Pura Italiana che ora pubblicano il disco “Istruzioni per un viaggio scomodo”. Ecco le descrizioni dei brani:

Shibaliba

Canzone tragicomica, groove nero, arrangiamento ispirato a Stromae, con testo in vernacolo toscano che racconta la prima sofferenza dopo la fine di un amore.

Ojos azules

Il ritornello di questo brano è di una canzone tradizionale  peruviana. La delicatezza e la semplicità della melodia delle strofe si fonde con il disegno armonico lasciando spazio alla malinconia di un disegno fatto da un bimbo.

I mostri cattivi

Un esperimento reggae/elettronico che racconta la fiaba post moderna di un mondo

governato dai mostri cattivi dei cartoni animati.

Pinocchio

Come dare potenza alla tristezza, come urlare il dolore della fine, come la storia di pinocchio sia vissuta da ognuno di noi almeno una volta nella vita.

Satana

Il brano più autoriale dell’album, un pianoforte a coda, un quartetto di violoncelli e una voce stanca smascherano il demone che si nasconde dentro ognuno di noi.

Bobotia

Il ritornello si ispira a una canzone nigeriana; con ritmo e delicatezza questa canzone

descrive la tragedia del viaggio che centinaia di persone fanno dal continente africano verso l’Europa, con un testo che sembra una filastrocca.

La sorte

Rock d’autore che racconta la storia di due innamorati ispirandosi al film di Francesco Nuti  “Caruso Paskoski”.

Ninna nanna al mostro

Come cercare di addormentare con la poesia il mostro che si nasconde dentro di noi quando si perde una persona amata.

Il cellulare

Brano cacofonico e stridente che mette in evidenza la continua ipocrisia in cui viviamo.

Il bimbo e le stelle

Poesia elettronica che manda un messaggio: la perdita di un affetto è l’esperienza che più di qualunque altra ti mette davanti al mistero dell’esistenza e che ti fa tornare ad essere un bambino che guarda il cielo stellato.

Sabato

Fusione fra soul e vernacolo toscano che canta l’inesauribile voglia di vivere e di partire.

Amore sbronzo

Ska punk che urla l’illusione dell’amore

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *