Web

Festival di Sanremo: mai così social

Gli ascolti dell’ultimo Festival di Sanremo sono stati eclatanti. Si è spesso superato il 50% di share, cosa mai accaduta in nessuna serata. A distanza di sette giorni, ora che il clamore s’è un po’ calmato, è possibile fare un’analisi lucida sui perché di questo boom. Molto di questo successo passa dal “second screen” che altri non è che il sedersi davanti alla tv ma senza mollare lo smartphone. Questo Festival di Sanremo 2017 è stato il più social di sempre grazie un “secondo schermo” che vede Twitter, Instagram e Facebook usati non solo per commentare esibizioni e sketch ma anche per seguire le tifoserie e rilanciare gli sfottò più divertenti, cercare qualche informazione in più sugli ospiti e godersi polemiche e burla.  Vediamo qualcosa di più.

I numeri televisivi di questo Festival di Sanremo li conosciamo bene. Quelli web? Più di 2 milioni e mezzo di persone hanno seguito il Festival in diretta streaming, 7 milioni e mezzo sono stati i video visti sulla app Raiplay, le interazioni social sono state oltre 37 milioni con 6 milioni e mezzo nell’ultima serata. I social network, insomma, sono stati l’ospite più prestigioso della kermesse. Interessante no? Forse è un modo, il modo, per recuperare le fasce più giovani ormai lontane dal piccolo schermo. Cerchiamo di capire cosa ha girato sui social circa Sanremo.
La parola più cinguettata nella finale dopo “canzone” è «Gabbani». Il balletto con la scimmia di Occidentali’s Karma è diventato subito un tormentone e le condivisioni del video sono state pazzesche.  E’ sul terreno web che è avvenuta la storica eliminazione di tre dei nomi più celebri sul palco. Le facce di Gigi D’Alessio, Al Bano e Ron, infatti, sono state a lungo vittime di fotomontaggi divertenti e battute più o meno simpatiche e, tra le canzoni più condivise su Tim Music, non c’è nessuno degli illustri eliminati. Considerate, per capire l’appeal di questi artisti in rete, che l’hashtag più usato in risposta a Gigi D’Alessio, che ha detto di essere stato «usato e mortificato», è stato #stacci. In conclusione, televisione e web si parlano già e lo fanno bene. Il successo passa anche da questo, dall’intelligenza di Carlo Conti e Maria De Filippi a seguire questo trend. I presentatori sono stati invitati dai The Jackal a dire «termostato» durante la diretta e l’hanno fatto. Risate tra chi aveva primo e secondo schermo. Addio per sempre a chi, invece, viveva l’Ariston solo col vecchio tubo catodico.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *