Attualità

Gianni Alberta (Presidente Coordinamento Genitori Democratici): “Famiglie negligenti, figli due volte puniti”

Diventare genitori non è un obbligo, dovrebbe essere una libera scelta. Chissà se è sempre così?! Il dubbio c’è, visto che nel milanese molte famiglie non pagano le rette delle mense scolastiche, per irresponsabilità e non per reddito. A farne le spese sono i bambini, a cui vengono negati i pasti e non solo. La notizia diffusa di recente fa riflettere per due ragioni: la prima riguarda l’area di riferimento, ovvero la Lombardia, da sempre regione italiana diligente; la seconda è da ritrovarsi tra le cause del problema, ovvero si tratta di pura dimenticanza, da parte dei genitori e non assenza di reddito. Questo è il contenuto dell’intervista rilasciata a #genitorisidiventa da Gianni Alberta, direttore del Coordinamento Genitori Democratici della Lombardia, su Radio Cusano Campus. “Ci stiamo occupando di problemi legati a defezioni scolastiche, dove vengono negati i pasti a bambini figli di genitori che non pagano. […] Lo scuolabus è uno strumento che permette di accedere a scuola, la scuola dell’obbligo. La problematica è data da famiglie che non hanno problemi di solvenza. Se i genitori sono colpevoli di non adempiere ai loro doveri vengano colpiti in tutti i modi, e i bambini vengano lasciati stare. I bambini pagano due volte: uno di avere genitori irresponsabili, l’altro di essere penalizzati nel percorso scolastico”, dice Alberta durante la trasmissione del mattino della radio dell’Università Niccolò Cusano. “Molti comuni italiani si trovano ad avere questa problematica. […] I comuni devono dotarsi di strumenti che gli permettano di acquisire quanto dovuto dai cittadini che non fanno il loro dovere”, aggiunge il presidente del Coordinamento Genitori Democratici della Lombardia.

E’ dura fare il genitore, ma anche essere figli non è uno scherzo!

Ascolta qui l’intervista integrale

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *