Spettacolo

Il Volo, continua la polemica per il no a Trump

Quindi i soldi non possono comprare tutto! Questo è il vero scoop che sta dietro alla polemica tra Il Volo e Donald Trump. Riassumiamo cosa è accaduto per i pochi che non hanno seguito il fatto. Il trio italiano è stato invitato dal neo-Presidente degli Stati Uniti a cantare durante la cerimonia del suo insediamento ma la risposta è stata un secco “no”. Giusto? Sbagliato? Le opinioni sono contrastanti e, come sempre, nel popolo del web c’è chi è convinto di avere la verità assoluta in tasca. Ecco qualche informazione in più sulla polemica scaturita dal no de Il Volo a Trump.

Cantare durante la cerimonia di insediamento del Presidente degli Stati Uniti dovrebbe essere un onore ma dipende anche dalle idee politiche. Per questo motivo Il Volo ha detto no all’invito di Donald Trump che ha incassato come, d’altronde, ha dovuto fare anche con Andrea Bocelli, Elton John, Céline Dion, Adam Lambert e John Legend. Trump è un personaggio atipico e non tutti gli artisti lo amano. Ma il web insorge e non ci sta e parte la polemica. Tra i tanti commenti al vetriolo, il succo della questione è che un cantante deve cantare e quindi è obbligato a presentarsi ad un invito così importante. Non la pensa così Piero Barone, uno dei tre tenorini, che sulla polemica con Trump dice:

“Sono sicuro che, nel caso avessimo detto di sì cantando alla cerimonia di insediamento, le critiche sarebbero state le stesse o forse peggiori. Ecco quindi che siamo stati solo la quotidiana dose di odio di cui si nutre il dibattito social, domani toccherà ad altri o altre cose. Un cantante non è un cd ma una persona libera che quindi sceglie come, quando e soprattutto per chi cantare”

Vediamo come evolverà la polemica de Il Volo dopo il no a Donald Trump. Intanto, per dovere di cronaca, bisogna dire che l’unico nome certo per la cerimonia è la teen-ager Jackie Evancho, seconda classificata di una delle passate stagioni di “America’s Got Talent”.

One thought on “Il Volo, continua la polemica per il no a Trump

  1. Amo il Volo sin dal loro esordio nel mondo della musica. Hanno sbagliato grossolanamente nel loro rifiuto a cantare per i festeggiamenti in onore della PRESIDENZA degli stati uniti d’America; nessuno e ne sono certo ha chiesto l’oro di esprimere idee politiche. Personalmente mi sono opposto sin dal primo giorno alle politiche messe in atto dal presidente Obama ma ho sempre rispettato cio’ che per otto anni ha rappresentato; la PRESIDENZA di questa meravigliosa terra mia l’America, che pure tanto successo ha regalato a questi tre MOCCIOSI e lo dico in tono molto affettuoso. Grazie per lo spazio e tanti auguri per sempre maggiori successi al VOLO.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *